Archivi categoria: articoli

Articoli di Giampaolo Galli

Can fiscal discipline be counterproductive? – con Lorenzo Codogno, paper su “Economia Italiana”, numero 1-2-3/2017.

Sintesi
L’esperienza della Grande Recessione ha indotto alcuni a sostenere che la disciplina di bilancio può essere controproducente nel senso che può peggiorare, anziché migliorare, le prospettive per i conti pubblici. Continua a leggere

Ads

Un nome fuori dalle “relazioni” che può garantire autorevolezza – con Lorenzo Codogno, il Sole 24 Ore, 27 dicembre 2017

La scelta di Mario Nava per la presidenza della Consob è eccellente. È un economista di indiscussa preparazione ed esperienza, soprattutto sui mercati finanziari e sulle banche, in un mondo in cui spesso l’approccio giuridico prevale su quello economico. Con l’unione bancaria e il cantiere aperto dell’unione del mercato dei capitali potrà dare un importante contributo sui tavoli europei. Continua a leggere

Ads

Web Tax: una risposta a Massimo Mucchetti

Sul Foglio di oggi il senatore Massimo Mucchetti risponde agli articoli di ieri di Raffaello Lupi, Alfredo Macchiati e Giampaolo Galli, tutti molto critici nei confronti della cosiddetta webtax che è stata approvata in Commissione Bilancio al Senato su impulso dello stesso Mucchetti.
Le considerazioni di Mucchetti ci consentono di fare qualche passo avanti nel ragionamento. Vediamo dunque le questioni principali, per cercare di capire, non certo per fare polemica.

Continua a leggere

Ads

La webtax colpisce le PMI italiane e cristallizza le posizioni dominanti di giganti come Google e Amazon – il Foglio, 28 novembre 2017

La montagna ha partorito un topolino mezzo morto. Ci avevano detto che i giganti del web sottraggono miliardi di euro al fisco italiano e minano le basi del welfare e della convivenza sociale. Non hanno colpito aziende come Google, Amazon e Apple che già hanno o avranno a breve una stabile organizzazione in Italia, ma hanno partorito un dazio che graverà sulle Pmi italiane e darà un gettito che, se va bene, a regime secondo le stime ufficiali sarà di 114 milioni (milioni, non miliardi!). Nella sostanza economica infatti, la soluzione approvata al Senato si configura come un dazio all’importazione di determinati servizi digitali e, come tutti i dazi, grava sull’acquirente nazionale, ossia sulle imprese italiane che acquistano quei beni e rischia di generare ritorsioni protezionistiche nei paesi d’origine delle imprese estere che vengono discriminate, in primis gli Stati Uniti.

Continua a leggere

Ads

Web Tax, perché no: con una tassa sul fatturato si rischia che l’onere ricada sui consumatori — il Corriere della Sera, 20 novembre 2017.

La soluzione alla tassazione delle imprese multinazionali dovrebbe essere trovata a livello internazionale o quantomeno di Unione Europea. Tuttavia, specie nel settore della cosiddetta web economy, il problema della sottrazione di base imponibile e della connessa concorrenza sleale nei confronti delle imprese locali sta assumendo dimensioni tali che è quasi inevitabile che, in mancanza di soluzioni condivise, i singoli stati finiscano per adottare soluzioni nazionali, anche se altamente inefficienti.

Continua a leggere

Ads

Se le verità nei prospetti accelerano i fallimenti – con Lorenzo Codogno, il Sole 24 Ore, 15 novembre 2017

Mentre i riflettori della commissione d’inchiesta si accendono sul caso Monte Paschi, proviamo a chiederci cosa abbiamo davvero imparato dal caso delle banche Venete. Secondo alcuni sarebbe tutto semplice e chiaro: la Banca d’Italia non avrebbe fornito informazioni essenziali alla Consob il che avrebbe impedito di informare gli ignari risparmiatori del triste destino che li attendeva. Si tratta, a nostro avviso, di una conclusione affrettata.

Continua a leggere

Ads

Una commissione per guardare avanti – con Lorenzo Codogno, il Sole 24 Ore, 7 novembre 2017

I lavori della commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche rischiano di trasformarsi in un inutile esercizio di recriminazione sul passato. Possono invece divenire un’occasione preziosa per mettere a punto una posizione nazionale sull’architettura della vigilanza, che – non va dimenticato – è da vari anni ormai interamente definita da regole europee.

Continua a leggere

No a populismi e generalizzazioni nel giudizio su Bankitalia – con Lorenzo Codogno, il Sole 24 Ore, 24 ottobre 2017

In tutti i Paesi, la scelta dei vertici della Banca Centrale spetta al potere politico. Può non piacerci, ma è così ovunque.  Si può, quindi, anzi si deve chiedere alla politica di trattare la questione con particolare attenzione, evitando inutili bagarre e tentazioni lottizzatrici.  Ma non si capisce come si possa sostenere che la politica non debba occuparsi della questione. Negli anni settanta, James Tobin, un grande economista premio Nobel per l’analisi monetaria, diceva di guardare con sospetto al concetto di indipendenza della Banca Centrale, perché – diceva icastico: “Io credo nella democrazia”.

Continua a leggere

Manovra fra crescita e aggiustamento: le (troppe) richieste di spesa fatte a Padoan – con Lorenzo Codogno, il Sole 24 Ore, 11 ottobre 2017

Come c’era da aspettarsi, sul Ministro dell’Economia piovono da ogni parte richieste di maggiori spese. Spesso le richieste hanno una loro intrinseca giustificazione, ma non fanno i conti con la realtà della finanza pubblica italiana. L’aggiustamento dei conti che è stato previsto dal governo è il minimo indispensabile nella condizione data. Questo punto è stato ben messo in luce dalla Banca d’Italia nel corso delle audizioni che si sono tenute al Senato il 3 ottobre scorso. Stando alle cifre ufficiali, ossia a quelle contenute nella Nota di Aggiornamento del Documento di Economia e Finanza (DEF), il miglioramento del saldo di finanza pubblica previsto per il 2018, pari a 0,5 punti percentuali di Pil – dal 2,1% di quest’anno all’1,6% del 2018 – è interamente dovuto all’evoluzione del ciclo economico e all’ulteriore riduzione della spesa per interessi dovuta alla politica espansiva della BCE.

Continua a leggere