Il blocco dei licenziamenti è utile a sostenere l’occupazione?

di Matilde Casamonti e Giampaolo Galli , Ocpi, 26 febbraio 2021

L’Italia è l’unico paese europeo ad aver introdotto un blocco generale sui licenziamenti economici; nel resto d’Europa solo Spagna e Grecia hanno introdotto sospensioni ai licenziamenti economici, ma meno estese che in Italia. Nonostante l’introduzione del blocco, in Italia, Spagna e Grecia il calo dell’occupazione nel 2020 è stato all’incirca uguale a quello medio europeo, ma è stato maggiore di quello degli altri grandi paesi europei quali Francia e Germania, che non hanno introdotto alcuna sospensione. In Italia, il calo delle cessazioni determinato dal blocco non è riuscito a ovviare alla diminuzione della creazione di nuovi posti di lavoro, il che ha generato un saldo netto negativo sull’occupazione complessiva.

Con lo scoppio della pandemia, a marzo, il Governo ha adottato vari interventi per aiutare le imprese e sostenere l’occupazione. In particolare, sono state prese misure speciali per l’estensione degli ammortizzatori sociali (CIGO, CIG in deroga e i Fondi di solidarietà) e sono state erogate indennità un tantum ai lavoratori autonomi e agli stagionali.[1] Con il Decreto Cura Italia sono stati anche proibiti i licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo e sono state sospese tutte le procedure di licenziamento collettivo (comprese quelle già avviate alla data del 23 febbraio 2020).[2] Con il perdurare della crisi, tutte queste misure sono stata prorogate, con lievi modifiche, dai decreti anticrisi successivi e, infine, anche dall’ultima legge di bilancio che ne ha esteso la durata fino al 31 marzo 2021. In particolare, per quanto riguarda la sospensione dei licenziamenti, il Decreto Agosto ha introdotto sia una durata differenziata del divieto dei licenziamenti a seconda dell’utilizzo o meno da parte dei datori di lavoro delle misure di integrazione salariale o di esonero dei contributi, sia alcune eccezioni al divieto di licenziare, quali ad esempio, in caso di messa in liquidazione dell’azienda o fallimento.[3]Nonostante queste limitate deroghe, i licenziamenti economici sono ormai sospesi da circa un anno. Con l’avvicinarsi della data di scadenza del blocco fissata per il 31 marzo, si è aperto un confronto in merito ad un’ulteriore proroga di questa misura. I sindacati hanno richiesto al nuovo esecutivo di estendere il divieto fino a fine pandemia o almeno fino a quando non saranno riformati gli ammortizzatori sociali. Le aziende sembrano disposte ad accettare la proroga a patto che le misure di integrazione salariale siano ulteriormente prorogate.[4]

La domanda di fondo che si pone è se il divieto di licenziare sia una misura utile a sostenere l’occupazione, o se invece comporti un irrigidimento del sistema economico, dato che impedisce lo spostamento dei lavoratori verso settori più produttivi e meno colpiti dalla crisi.

L’andamento dei licenziamenti e dell’occupazione in Italia

Secondo i dati Inps l’introduzione del blocco dei licenziamenti in Italia ha coinciso con un calo drastico delle cessazioni (licenziamenti e dismissioni) mensili dei rapporti di lavoro rispetto al 2019.[5] Tra gennaio e novembre 2020, le cessazioni totali dei rapporti di lavoro sono state circa il 20 per cento in meno rispetto allo stesso periodo nel 2019: 5,0 milioni del 2020 contro i 6,3 milioni del 2019 (Fig. 1). Sembrerebbe quindi che le misure anticrisi adottate abbiano bloccato le uscite oltre a quanto sarebbe avvenuto in un periodo senza Covid. Sono però diminuite molto anche le assunzioni: da 6,8 milioni nuovi rapporti di lavoro tra gennaio ed ottobre 2019 a soli 4,7 milioni nello stesso periodo del 2020 (Fig. 2). In complesso, tenuto conto della dinamica dei rapporti a termine, la differenza tra il numero dei nuovi rapporti di lavoro e quelli giunti al termine nel 2020 è negativa: meno 296mila rapporti di lavoro. La diminuzione dei licenziamenti non è stata quindi tale da compensare il calo delle nuove assunzioni.

Annuncio

Il blocco dei licenziamenti ha contribuito a scaricare il peso della crisi sui licenziamenti a tempo determinato giunti a scadenza, che non sono stati rinnovati. Secondo i dati ISTAT, tra febbraio e dicembre 2020, il numero dei lavoratori a tempo determinato è diminuito dell’11 per cento, quello dei lavoratori autonomi quasi del 4 per cento.[6] Questo ha fatto sì che le conseguenze negative della crisi si siano scaricate soprattutto sui giovani e sulle donne, che più spesso sono occupati con contratti a termine o stagionali. Il numero di occupati tra i 15 e i 24 anni è infatti diminuito del 13 per cento, quelli tra 25 e 34 anni del 5 per cento. Infine, tra febbraio e dicembre, mentre il numero degli occupati uomini è diminuito dell’1 per cento, il numero di occupate donne è diminuito di quasi il 3 per cento.

Il blocco dei licenziamenti: un confronto europeo 

Tutti i paesi europei hanno risposto alla crisi ampliando o introducendo ex novo misure per mantenere l’occupazione e sostenere le aziende.[7] Alcuni paesi (Regno Unito, Grecia, Lettonia, Slovenia e Lituania) hanno attivato per la prima volta programmi per il mantenimento del lavoro paragonabili alla nostra cassa integrazione; gli altri paesi che avevano già tali programmi li hanno rifinanziati ed estesi.[8] Solo Spagna e Grecia hanno accompagnato queste misure con una sospensione dei licenziamenti economici, analogamente a quanto è stato fatto in Italia.[9]Tuttavia, solo in Italia sono stati vietati tutti i licenziamenti economici. In Spagna è stato proibito ai datori di lavoro di utilizzare la pandemia come giustificativo per il licenziamento economico. Nel caso di crisi generata dalla pandemia, le aziende spagnole devono utilizzare tutte le misure di sostegno introdotte dal governo impegnandosi a mantenere i rapporti di lavoro per tutta la durata della misura e per i sei mesi successivi.[10] In Grecia sono stati vietati i licenziamenti nelle imprese la cui attività è stata sospesa con decisione del governo. Negli altri paesi europei non sono stati introdotti espliciti blocchi sui licenziamenti, anche se alcuni paesi hanno adottato misure specifiche per aumentare la protezione dei lavoratori contro i licenziamenti in determinati casi.[11] Ad esempio, il Lussemburgo ha aumentato la protezione contro i licenziamenti in caso di congedo di malattia; in Francia è stato reso più stringente il controllo su tali licenziamenti da parte delle agenzie competenti.[12] Nonostante la varietà di misure adottate, solo l’Italia ha introdotto un blocco generale sui licenziamenti economici.

L’andamento dell’occupazione in Europa

Italia, Spagna e Grecia sono tra i paesi europei maggiormente colpiti dalla crisi a livello economico, oltre che sanitario; infatti, sono stati tra i paesi europei che, secondo le proiezioni dell’OCSE, hanno subito una variazione di reddito maggiore (- 9 per cento per l’Italia, – 11,6 per la Spagna e – 10,1 per la Grecia).[13] Anche considerando una tale caduta di Pil, questi paesi non sono riusciti a proteggere l’occupazione meglio di molti altri paesi europei (Tav. 1). Infatti, la loro elasticità dell’occupazione al reddito, ovvero il rapporto tra la variazione percentuale dell’occupazione e la variazione percentuale del Pil, è stata più o meno in linea con quella della media europea e peggiore di quella dei principali paesi.[14] In Italia, l’occupazione è caduta dell’1,65 per cento, con un’elasticità rispetto al Pil di 0,18; in Grecia la caduta è stata del 2,25 per cento con un’elasticità di 0,22; in Spagna la caduta è stata del 3,27 per cento con un’elasticità di 0,28. Per confronto, in Francia, l’occupazione è diminuita solo dell’1 per cento rispetto al 2019, nonostante il calo del Pil sia stato del 9 per cento: l’elasticità è stata solo di 0,11. Meglio dell’Italia hanno fatto anche la Germania e la Svizzera, due paesi in cui addirittura l’occupazione è aumentata, e l’Olanda in cui l’occupazione è caduta solo di 0,43 per cento a fronte di una caduta del Pil di 4,5 per cento. Nella media europea, la caduta dell’occupazione è stata dell’1,53 per cento a fronte di una caduta del Pil del 5,87 per cento, con un’elasticità pari a 0,26, superiore a quella dell’Italia e quasi uguale a quella della Spagna.

Conclusione

Il blocco dei licenziamenti è una misura che nel breve periodo protegge gli “insiders”, ossia i lavoratori a tempo indeterminato, a danno dei lavoratori a termine, autonomi o stagionali: chi paga il costo più alto sono giovani e donne. Nel complesso, non sembra sia stato in grado di produrre migliori risultati sul fronte dell’occupazione. Nel medio termine, il blocco ha l’evidente svantaggio di impedire o comunque ritardare quegli aggiustamenti strutturali che sono necessari per mantenere la competitività delle imprese, specie in un contesto di cambiamenti molto rapidi dovuti alla pandemia, oltre che alle innovazioni tecnologiche. È evidente che quanto più a lungo si mantiene il blocco, tanto più forti diventano gli squilibri accumulati e dunque gli effetti negativi che si possono avere nel momento in cui si tornasse ad un funzionamento fisiologico del mercato del lavoro.

Tav. 1: Elasticità dell’occupazione al reddito

PaeseVariazione %
2020/2019:
occupazione
Variazione %
2020/2019:
Pil
Elasticità
dell’occupazione
al reddito
Lussemburgo1,53-4,45-0,35
Germania0,24-5,53-0,04
Svizzera0,18-4,69-0,04
Paesi Bassi-0,43-4,550,09
Francia-1,03-9,110,11
Belgio-0,95-7,450,13
Italia-1,65-9,050,18
Rep. Ceca-1,30-6,790,19
Danimarca-0,80-3,880,21
Slovenia-1,67-7,510,22
Grecia-2,25-10,100,22
Polonia-0,81-3,510,23
Media EU-1,53-5,870,26
Spagna-3,27-11,630,28
Austria-2,57-8,030,32
Portogallo-2,85-8,430,34
Finlandia-1,71-3,970,43
Repubblica Slovacca-2,72-6,290,43
Ungheria-2,49-5,660,44
Estonia-2,43-4,740,51
Norvegia-0,63-1,180,53
Svezia-1,74-3,220,54
Lituania-2,06-1,951,05
Irlanda-3,88-3,201,21
Fonte: elaborazione Ocpi su dati OCSE

[1] Vedi Titolo II del Decreto Cura Italia: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/03/17/20G00034/sg

[2] Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, o licenziamento economico, è quello determinato da ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento della stessa attività. Vedi l’art. 46 del Decreto Cura Italia: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/03/17/20G00034/sg

[3] Vedi l’art. 14 del Decreto Agosto (DL 104/2020): https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/08/14/20G00122/sg

[4] Vedi: https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2021/02/08/governo-parte-dialogo-sindacati-e-imprese-da-draghi_30694d5a-0678-4c8e-959b-e5d2d1345484.html

[5] I dati Inps provengono dall’Osservatorio sul precariato, il campo di osservazione riguarda gli archivi UNIEMENS dei lavoratori dipendenti privati esclusi lavoratori domestici e operai agricoli. Sono compresi i lavoratori degli enti pubblici economici. Fonte: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=46919

[6] Fonte dati: https://www.istat.it/it/archivio/253019.

[7] Vedi la Policy table a p.1 della pubblicazione Supporting people and companies to deal with the covid-19 virus: options for an immediate employment and social-policy response dell’OECD (https://oecd.dam-broadcast.com/pm_7379_119_119686-962r78x4do.pdf). 

[8] Vedi: https://read.oecd-ilibrary.org/view/?ref=135_135415-6bardplc5q&title=Job-retention-schemes-during-the-COVID-19-lockdown-and-beyond, p. 7. 

[9] Per maggiori informazioni sulle misure prese da ogni singolo paese europeo si rimanda alle pubblicazioni mensili Flash Reports on Labour Law della Commissione Europea.

[10] Vedi: https://www.mscbs.gob.es/ssi/covid19/mlaborales/despidos.htm e https://www.boe.es/buscar/act.php?id=BOE-A-2020-3824&p=20210127&tn=1#a2-4

[11] Anche in Lussemburgo i licenziamenti collettivi sono stati vietati, però solo per un breve periodo di tempo, da aprile a giugno 2020. Vedi: Flash Reports on Labour Law June 2020. 

[12] Vedi: https://www.ilo.org/wcmsp5/groups/public/—dgreports/—cabinet/documents/publication/wcms_756331.pdf, p. 27. 

[13] Fonte dati: https://www.oecd.org/economic-outlook/

[14] L’elasticità dell’occupazione rispetto al reddito si calcola come: 

dove L è l’occupazione e Y il Pil. #CRESCITA

Annuncio

La web tax europea: un passo avanti, ma rimangono limiti evidenti. Il Sole 24Ore, con Sergio Boccadutri, 24.03.2018

Un’imposta sul fatturato non è commisurata alla capacità contributiva e incide sull’acquirente. C’è anche un rischio protezionismo.

La web tax proposta dalla Commissione Europea rappresenta un progresso rispetto alla situazione attuale in cui ogni paese va per la sua strada, mettendo a rischio il mercato europeo dei servizi digitali, ma presenta limiti evidenti. La Commissione propone innanzitutto di apportare delle modifiche al concetto di stabile organizzazione in modo tale da fare dei passi nella direzione di una soluzione di lungo periodo nella quale la suddivisione fra paesi di un’unica imposta sui profitti consolidati avverrebbe, come già oggi gli stati USA, sulla base di vari parametri, tra cui il valore aggiunto e il fatturato. Questa soluzione richiede però accordi internazionali che appaiono molto lontani non solo a livello Ocse, per l’opposizione degli Stati Uniti, ma anche a livello europeo. Ha invece una buona probabilità di essere attuata, in quanto non richiede accordi internazionali, una seconda proposta della Commissione che viene definita “soluzione transitoria” e che consiste sostanzialmente in un’imposta indiretta sul fatturato realizzato dalle grandi aziende digitali in ogni singolo paese. I limiti principali di questa tassa, che secondo la Commissione darebbe un gettito di 5 miliardi qualora l’aliquota fosse fissata al 3%, sono due. Il primo è che un’imposta sul fatturato non è commisurata alla capacità contributiva del contribuente e può mettere in ginocchio un’impresa che non abbia utili. Il secondo limite è che si tratta di un’imposta indiretta, che, al pari dell’IVA, finisce per incidere principalmente sull’acquirente, rendendo più costosa la trasformazione digitale dell’economia europea. Al riguardo è utile ricordare che le attività che si vorrebbero assoggettare alla nuova imposta – essenzialmente i ricavi pubblicitari o da intermediazione in quelle attività in cui sono gli stessi utenti a mettere a disposizione grandi masse di dati – sono già soggette all’Iva, come chiunque può verificare guardando le fatture che riceve via mail, ad esempio da Google. La nuova imposta aggiungerebbe dunque un 3% del fatturato non su tutte, ma su un sottoinsieme delle attività digitali e limitatamente ai rapporti fra imprese. Quindi per certi versi, si sta facendo molto rumore per nulla, tanto più che la nuova tassa sarebbe un costo deducibile ai fini dell’imposta societaria. In effetti, lo scopo dell’intero esercizio è quello di tassare gli utili delle imprese digitali che sono solo una frazione del loro fatturato. Si obietta che quella piccola frazione di cui siamo alla ricerca è quella che “davvero conta”, perché è l’unica pagata dagli azionisti delle multinazionali del web e non dal consumatore. L’obiezione non sembra rilevante ai fini del gettito per lo Stato, ma è senz’altro corretta se ci si preoccupa dell’equità del prelievo. Il problema è che questa obiezione è sostanzialmente priva di implicazioni operative dato che, in assenza di un accordo internazionale sulle imposte dirette, è gioco forza che le soluzioni nazionali, anche se definite nell’ambito di un accordo europeo, portino a imporre delle nuove imposte che vengono presentate come imposte dirette, ma che in realtà sono imposte sul fatturato e, come tali, finiscono per incidere sul consumatore.
C’è un terzo problema che potrebbe emergere qualora gli Stati Membri, o alcuni di essi, non accettassero quella che attualmente, non a caso, è una semplice raccomandazione contenuta nel preambolo della Direttiva, che consiste nel consentire la deduzione dall’imposta societaria anche quando la nuova imposta fosse pagata in un altro Stato Membro. In tal caso, si finirebbe per legittimare una sorta di dazio, o comunque di barriera protezionistica, che ogni paese europeo potrebbe imporre alle imprese di tutti gli altri paesi europei. Un’impresa italiana che esporta servizi digitali in Francia, ma non ha lì una stabile organizzazione, sarebbe penalizzata rispetto a un concorrente francese che venda gli stessi servizi in Francia e viceversa. Uno schema del genere, simile alla versione della web tax che era stata approvata dal Senato nell’ultima legge di bilancio, non è accettabile in quanto produce una evidente frammentazione del mercato europeo. In linea di principio, si tratta di un problema che può essere risolto, ma questo passo è politicamente difficile. Peraltro, l’intera operazione, è soggetta a grandi incognite politiche all’interno dell’UE e nei rapporti con gli Stati Uniti, che ritengono che questa soluzione sia punitiva per le loro grandi imprese digitali. Dal punto di vista delle imprese, anche di quelle made in USA, va messo in conto che la norma europea sarebbe un argine alle soluzioni nazionali “fai da te” e creerebbe un quadro di riferimento discutibile, ma chiaro e applicabile in tutta l’Unione Europea.

di Giampaolo Galli e Sergio Boccadutri

clicca qui per l’articolo in pagina

Annuncio

Annuncio

“Germania – Italia: un rapporto difficile?” Post fazione di Giampaolo Galli alla ricerca: Educare alla cittadinanza, al lavoro ed all’innovazione – Il modello tedesco e le proposte per l’Italia (a cura di Associazione Treellle e Fondazione Rocca)

Gli italiani nutrono sentimenti quanto mai ambivalenti nei confronti della Germania. Da un lato assai spesso additano questo o quell’aspetto della società tedesca come modello da imitare o comunque come esempio di buona pratica da cui trarre ispirazione. Dall’altro, imputano alla Germania varie colpe, più o meno gravi, nella gestione delle politiche economiche, in particolare da quando è scoppiata la crisi dei debiti sovrani che tanto ha pesato e sta pesando sui destini dei popoli europei in questi ultimi anni. Questa ambivalenza divide la politica italiana, al punto che la divisione fra “amici” e “avversari” della Germania è diventata una linea di separazione che taglia trasversalmente gli schieramenti ed è forse più importante delle tradizionali faglie ideologiche della politica italiana ed europea. Una delle accuse più pesanti che si muovono vicendevolmente i politici è di agire secondo i desiderata della Germania o peggio ancora e, impropriamente personalizzando, della sua “cancelliera di ferro”. Qualche intellettuale, anche di notevole fama, ha resuscitato fantasmi del passato e narra di immaginari piani tedeschi volti a dominare l’Europa attraverso la gestione delle politiche economiche dell’eurozona.

Leggi tutto ““Germania – Italia: un rapporto difficile?” Post fazione di Giampaolo Galli alla ricerca: Educare alla cittadinanza, al lavoro ed all’innovazione – Il modello tedesco e le proposte per l’Italia (a cura di Associazione Treellle e Fondazione Rocca)”
Annuncio

“Così si può tornare a fare impresa” Giampaolo Galli su Europa – 16/10/2014

C’è un clima di grande soddisfazione nel mondo delle imprese che giustifica appieno la frase di Giorgio Squinzi sul sogno che si avvera. Per la prima volta da che si ricordi un governo annuncia provvedimenti che superano le aspettative più ottimiste degli imprenditori. Nessuno si sarebbe aspettato l’abolizione, o comunque la radicale riforma dell’art. 18, l’azzeramento della componente lavoro dell’Irap e dei contributi per i nuovi assunti. 

Leggi tutto ““Così si può tornare a fare impresa” Giampaolo Galli su Europa – 16/10/2014″
Annuncio

Galli: Le condizioni per la ripresa – L’Unità 25/05/2013

Il conflitto fra esigenze sociali crescenti e disponibilità di risorse pubbliche è una costante in tutti i paesi. In Italia si manifesta  con grande intensità da due decenni per via dell’alto debito pubblico ed è stato spesso all’origine di tensioni sociali e crisi di governo. Ma forse mai questo conflitto si è manifestato con tanta intensità come oggi per via della gravità della crisi e per un risultato elettorale che ha premiato i partiti che promettevano drastici tagli di tasse.

Qualcuno dice che ancora una volta stiamo andando a sbattere contro un muro ben segnalato. Stando alle dichiarazioni programmatiche, nelle prossime settimane occorrerebbe trovare le risorse quantomeno per superare l’IMU, per evitare l’aumento dell’IVA, per favorire la creazione di posti di lavoro per i giovani, per rilanciare le infrastrutture, per sostenere il credito alle PMI, per prorogare le agevolazioni per l’efficienza energetica e per le ristrutturazioni edilizie.  Si tratta di non meno di dieci miliardi in sei mesi, ossia venti miliardi in un anno. Una cifra davvero enorme, da far tremare le vene. A maggior ragione se tiene conto di come è stato reperito il miliardo di euro, solo un miliardo, per rifinanziare la cassa integrazione in deroga. Si è attinto a risorse utili per il lavoro e per il futuro, come la formazione permanente e i contratti di produttività, segno non di cattiva volontà ma del fatto che non era affatto facile fare di meglio.

La cifra del governo Letta, la sua stessa ragion sociale dipenderà da come eviterà di andare a sbattere contro il muro. Forse riuscirà tener fede all’impegno assunto nel discorso della fiducia: “la riduzione fiscale senza indebitamento sarà un obiettivo continuo e a tutto campo”. Se ciò avverrà il governo avrà una mission che potrà piacere o no, ma sarà delineata con estrema chiarezza e corrisponderà alle aspettative di gran parte dell’elettorato. Una mission molto ambiziosa che forse solo un governo straordinario con una ampia maggioranza può darsi.

Annuncio

Anche la ragione sociale del Partito Democratico dipenderà da come si atteggerà di fronte a questa sfida del Paese, molto più che dal dibattito interno. Potrà accettare la sfida oppure atteggiarsi a difensore della spesa pubblica. Nel secondo caso, al PDL e, in parte, al M5S si schiuderanno vaste praterie per mietere consensi fra gli scontenti delle tasse. E gli esiti delle prossime elezioni, a cominciare dalle europee, saranno scontati.

Sotto il profilo politico, il punto chiave è che non vi alcun serio motivo per credere che il centro destra sia meno interessato del centro sinistra a difendere la spesa pubblica buona. Al di là delle chiacchiere da talk show, il centrodestra, se non altro per motivi di consenso, non è meno attento al welfare di quanto lo sia il centro sinistra. E il centrodestra sa bene, quanto lo sa il centro sinistra, che gli enti locali e le regioni sono in estremo affanno. Lo dimostra l’ostracismo in cui è caduto Giulio Tremonti all’interno del centro destra, in gran parte per via dei tagli che ha imposto ai suoi colleghi di governo.

Dunque, accettiamo la sfida. Cerchiamo di imporre al PDL di smettere di fare propaganda. Richiamiamolo ad un minimo di coerenza logica. Se tuona che bisogna ridurre questa o quella tassa, contribuisca con tutti noi a trovare le coperture. Si assuma con noi la responsabilità delle decisioni difficili. Forse si giungerà alla conclusione che, dopo i tagli degli anni scorsi, rimane ancora ben poco da tagliare. Questa è l’opinione di molte rispettabilissime persone, sia nel PD che nel PDL. Ma conta poco. Ciò che conta è che, se questa è la conclusione cui si deve arrivare, ad essa ci arrivino insieme tutti i partiti della maggioranza e, se possibile, l’opinione pubblica.  Altrimenti è a rischio il PD e, ancor più, é a rischio il governo.

Sappiamo che Berlusconi ha una straordinaria capacità di fare propaganda anche quando è al governo. Quante volte ha promesso di eliminare l’Irap o di dare la famosa frustata al cavallo dell’economia, salvo poi non farne nulla e addossare la colpa agli alleati o al Ministro dell’Economia. Riuscirà il PD ad ribaltare il tavolo e ad evitare di essere, per l’ennesima volta, la vittima  della campagna elettorale permanente di Berlusconi? Riusciremo ad evitare di essere quelli che impediscono al PDL di tagliare le tasse?

L’Unità 25 maggio 2013

Annuncio