Mezzogiorno, spesa efficiente e diritti per tutti.

Dibattito su LiberiOltre fra Giampaolo Galli Andrea Giovanardi e Marco Esposito, 6 gennaio 2021

Ragionamenti sul Mezzogiorno e sui conti pubblici territoriali.

I diritti di cittadinanza devono essere uguali su tutto il territorio nazionale, ma i problemi del Mezzogiorno non sono una colpa del Nord, così come i problemi dell’Italia non sono una colpa dell’Europa o della Germania.

Sfatiamo qualche luogo comune sul Mezzogiorno. In pillole:

  • non è vero che il Mezzogiorno cresce meno del resto del Paese;
  • non è vero che gli investimenti pubblici penalizzano il Mezzogiorno;
  • non è vero che gli investimenti complessivi (pubblici+privati) penalizzano il Mezzogiorno, anzi dagli anni cinquanta al Mezzogiorno sono stati destinati molti più investimenti che al Centro-Nord.
  • non è vero che la spesa pubblica (complessiva) pro capite è più bassa al Sud;
  • è vero che i servizi pubblici (dagli asili alla giustizia) sono molto più carenti e sono causa di sofferenza sociale;
  • la questione cruciale è la qualità delle istituzioni (e dunque delle classi dirigenti locali).

Ciò detto, è giusto dedicare somma cospicue del Recovery plan al Mezzogiorno.

Come affronteremo il problema del debito da Covid?

L’esperienza dei due dopo-guerra non è replicabile.

di Giampaolo Galli, Il Riformista, 5 gennaio 2021

Uno dei lasciti dell’epidemia sarà un debito pubblico elevatissimo, che probabilmente a fine 2020 dovrebbe essersi attestato attorno al 160% del Pil, il valore più alto dall’Unità d’Italia. Il debito raggiunse un valore simile, 159%, dopo la prima guerra mondiale, nel 1920.

Continua a leggere

Parlamento, i dossier dei Servizi Bilancio

di Giampaolo Galli, Giorgio Musso e Stefano Olivari

23 dicembre 2020

Le quantificazioni delle norme e le relative coperture che accompagnano, per obbligo di legge, ogni atto normativo proposto dal Governo dovrebbero essere oggetto di un’attività di verifica sistematica da parte del Parlamento e in particolare da parte delle commissioni bilancio. Il supporto tecnico a quest’attività è fornito dai Servizi Bilancio della Camera o del Senato; questi servizi svolgono un’attività poco nota al grande pubblico, ma importante, che si concretizza, tra l’altro, in dossier relativi ai profili finanziari sulle diverse leggi.

Continua a leggere

PNRR: there is a vision; now it has to be translated into projects

by Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli, Il Sole24Ore, 11 dicembre 2020

The NRRP – National Recovery and Resilience Plan for the use of funds from the Next Generation EU – is a document that affects almost all areas of the Italian economy and society. As such, it lends itself to being judged from multiple points of view. It is understandable that the different political and social forces, as well as scholars, focus on the things that are not right in order to intervene to correct them.

Many have criticised the plan because of its governance. It seems to introduce a parallel structure that is independent or perhaps complementary to that of the various competent administrations. Others focused on the lack of concreteness of many of the strategic actions of the plan.

Continua a leggere

The reform of the ESM is not perfect, but for Italy, it can only have advantages

by Lorenzo Codogno and Giampaolo Galli

Almost two and a half years ago, we expressed on these columns some fears about the preparatory work for the reform of the European Stability Mechanism (ESM), and in particular on the Franco-German Meseberg declaration, which provided the reference framework for the reform then submitted to the Euro summit on June 28, 2018

Continua a leggere

Riforma del MES: non è perfetta, ma va approvata

di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli, Il Sole24Ore, 8 dicembre 2020

Oltre due anni fa su queste colonne avevamo espresso qualche timore sui lavori preparatori della riforma del MES e in particolare sulla dichiarazione franco-tedesca di Meseberg che fornì il quadro di riferimento per la riforma che fu poi sottoposta al Eurosummit del 28 giugno 2018. Le nostre perplessità erano soltanto marginalmente motivate dagli emendamenti testuali che si prospettavano.

Continua a leggere