Archivi autore: GIampaolo Galli

Ads

Il governo deve convincere i mercati che farà “whatever it takes” per rimanere nell’euro, con Lorenzo Codogno, Il Sole 24 Ore, 19 giugno 2018

A parte il Ministro Tria, sembra che il governo non si preoccupi particolarmente dello spread di rendimento tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi, il quale oscilla ormai da molti giorni attorno a 230-270 punti base. Continua a leggere

Ads

I rischi per l’economia dal contratto giallo verde. La mia relazione al convegno di REL e FOR, 12 giugno 2018.

Probabilmente, le promesse fantasmagoriche del contatto giallo-verde vanno considerate come un’ulteriore tappa della infinita campagna elettorale italiana e non vedranno mai la luce. La cose che ci stanno scritte rivelano però molto sulle pulsioni che governano la nuova maggioranza. Pulsioni che non fanno i conti con la realtà e sono un pericolo per l’economia italiana. Ne abbiamo discusso il 12 giugno in un convegno organizzato dall’associazione REL (Riformismo e Libertà) e da FOR (Fondazione Ottimisti e Razionali).

Qui le slides della mia presentazione:   Galli contratto giallo verde

Ads

Qualche consiglio al Prof. Tria. Rassicurare i mercati sull’euro e trovare (collegialmente) le coperture, Inpiù, 5 giugno 2018

Lavoro davvero improbo, al limite dell’impossibile, quello che spetta al nuovo inquilino del MEF, il Prof. Giovanni Tria. La prima cosa che deve fare è di convincere i mercati che il governo non ha intenzione di uscire dall’euro e anzi farà qualunque cosa per evitare questo esito. Continua a leggere

Ads
Ads

Il mistero delle coperture del “contratto”; Inpiù, 24 maggio 2018

Secondo l’Osservatorio dei conti pubblici dell’Università Cattolica, diretto da Carlo Cottarelli, le misure previste dal cosiddetto contratto di governo sommerebbero a 108,7 miliardi nel migliore dei casi e a 125,7 nel peggiore; le coperture esplicitamente previste nel contratto non supererebbero i 0,5 miliardi. Continua a leggere

Ads

Ecco perché l’uscita dall’euro deve essere tenuta segreta; è tutto scritto nel libro dell’on. Bagnai.

In un articolo sul Sole 24 Ore del 23 maggio, Lorenzo Codogno ed io abbiamo argomentato che, secondo i teorici leghisti no-euro, l’uscita dall’euro deve essere mantenuta segreta fino all’ultimo momento, il che rende poco credibili le affermazioni secondo cui l’intenzione del nuovo governo non è quella di uscire dall’euro. Continua a leggere

L’Italia soffre di scarsa crescita, non di diseguaglianza crescente, Il Foglio, 16 maggio 2018

E’ una certezza granitica e, come tale, ripetuta tutti giorni dai media, che da gran tempo in Italia, come e più che negli altri paesi, si stia  allargando la forbice fra i ricchi che diventano sempre più ricchi e i poveri che diventano sempre più poveri. E che dunque vi sia un serio allarme disuguaglianze sociali.  Continua a leggere