Munchau e Krugman: “L’uscita dall’euro sarebbe un disastro”, Keynesblog  14 aprile 2017

Con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali francesi, nelle quali potrebbe prevalere la candidata del Fronte Nazionale Marine Le Pen, chi negli anni passati non aveva nascosto le proprie antipatie per la moneta unica europea, magari fino al punto da auspicarne la fine, incomincia a ripensarci. I riposizionamenti sono ormai all’ordine del giorno. Continua a leggere

Per Francia o Italia l’uscita dall’euro sarebbe un trauma, Wolfgang Münchau, Financial Times , 9 april 2017

Imagine a New Year’s resolution list that reads as follows: First, give up chocolate; second, get divorced. You would rightly say this is absurd. If you are serious about divorce, you would not put it on a list. If you were pedantic enough to do this, divorce would not be item number two. But that is precisely how the populists in France and in Italy have cast their policies on the euro. Continua a leggere

Def: sulla condizione finanziaria del Paese gravano le mancate riforme – In Cammino, 12 aprile 2017

Il Documento di Economia e Finanza si muove lungo un crinale sottile: da un lato bisogna avviare la riduzione il debito pubblico, dall’altro vanno attuate politiche per dare più vigore alla crescita.

Questo ci impone di continuare con rinnovato vigore lungo la linea che è stata seguita negli ultimi anni e che ha consentito di ridurre gradualmente il disavanzo dal 3% del 2014 al 2,4% nel 2016, creando anche lo spazio, attraverso la spending review (25 miliardi in tre anni) e la lotta all’evasione (19 miliardi nel 2016), per robuste misure a sostegno della crescita.

Continua a leggere

Investimenti pubblici fra crescita e vincoli – Il Sole 24 Ore, 11 aprile 2017

Dopo il crollo registrato negli anni della crisi, l’Italia ha un gran bisogno di investimenti pubblici per ammodernare la sua rete di infrastrutture. Questa considerazione induce molti economisti a rilanciare la proposta della cosiddetta “golden rule”, ossia lo scorporo delle spese per investimenti dalle regole europee sui disavanzi pubblici. È questa un’idea con una qualche possibilità di successo? Alla luce del dibattito che si è svolto fino ad oggi, vi sono motivi per dubitarne.

Continua a leggere

Interrogazione a prima firma Boccadutri sul caso Minenna

 

Interrogazione a risposta in commissione 5-11018
presentato da BOCCADUTRI Sergio
testo diGiovedì 30 marzo 2017, seduta n. 770
BOCCADUTRI, DELL’ARINGA, ANDREA ROMANO e GIAMPAOLO GALLI. — Al Ministro dell’economia e delle finanze, al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione . — Per sapere – premesso che:
il dottor Marcello Minenna, già assessore al bilancio, al patrimonio e alle partecipate del comune di Roma tra luglio e settembre 2016, è dipendente a tempo pieno della Commissione nazionale per le società e la Borsa (Consob) e ivi dirigente responsabile dell’Ufficio Analisi Quantitative e Innovazione Finanziaria all’interno «Divisione Mercati»; Continua a leggere

Uscire dalla moneta unica vuol dire tagliare i salari – Il Sole 24 Ore, 9 febbraio 2017, di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

 Al nostro articolo del 1 marzo scorso su questo giornale (“Non è l’euro il problema dell’Italia”) sono state mosse due osservazioni critiche da parte di persone seriamente interessate al tema. Dato che si tratta di due punti cruciali, proviamo a fornire qualche chiarimento. Continua a leggere

Italexit non risolverebbe nessuno dei problemi dell’Italia – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli, 23 febbraio 2017,

Download pdf

L’Italia di fronte alla sfida dei cambiamenti globali

La crescita dei movimenti populisti e antieuropei non ha risparmiato l’Italia. Quasi tutti
chiedono l’uscita dall’euro, molti chiedono anche l’uscita dall’UE: la seconda è una strada percorribile anche se estremamente complessa, come il Regno Unito sta scoprendo a sue spese in questi mesi. L’uscita dall’unione monetaria creerebbe invece un problema su una scala completamente diversa, con conseguenze negative che si protrarrebbero per molti anni. Inoltre, non risolverebbe i problemi che si vorrebbero risolvere. Trascurando le motivazioni politiche, alcuni commentatori – come gli autori di un recente documento di Mediobanca Securities – sostengono invece che lasciare l’euro sia fattibile e che l’Italia potrebbe perfino trovarsi ad ottenere un piccolo vantaggio di 8 miliardi di euro.[1] Essi forniscono inoltre argomenti tecnici sugli effetti della ridenominazione del debito, sostenendo che tale ridenominazione, se rimandata al futuro, si rivelerebbe troppo costosa e che, quindi, andrebbe adottata il prima possibile. Su questo punto siamo in netto disaccordo.

Continua a leggere

Italexit, che boomerang: il debito al 160% del Pil in una notte – FIRSTonline, 16 febbraio 2017

Il report di Mediobanca su Italexit non convince: ecco i veri conti sull’ipotetica uscita dell’Italia dall’euro – La svalutazione del 30% della lira farebbe lievitare il debito pubblico portandolo dall’attuale 133 al 160% del Pil in poche ore e, come avverte Standard and Poor’s, la ridenominazione dei vecchi titoli pubblici sarebbe considerata dai mercati alla stregua di un default.

Continua a leggere

Intervento a “L’Europa che ci vuole”, organizzato dal Forum Esteri PD Roma – 30 gennaio 2017

Il 30 gennaio scorso si è svolta l’iniziativa L’Europa che ci vuole – Parlare dell’UE oltre i luoghi comuni, in cui sono intervenuto per smontare alcuni luoghi comuni, appunto, che ruotano intorno all’Unione e al suo ruolo nella vita del nostro Paese.

Trovate le slides dell’intervento qui.

16463068_715298331977814_4051243600380324370_o

“Roma in Decrescita: quali investimenti per il futuro?” organizzato da Economy Dem, 27 gennaio 2016

Il 27 gennaio si è svolto un incontro dal titolo Roma in Decrescita: quali investimenti per il futuro? organizzato dal Forum Economy Dem del Pd Roma con l’intervento di alcuni parlamentari e personalità del tessuto politico, industriale e tecnologico romano.

Qui si trovano le slide del mio intervento, con un breve commento ad ognuna.

-Locandina evento Economy Dem al Nazareno - 27 gennaio 2016

Solo le riforme sono “strategiche” – il Foglio, 4 gennaio 2017

Capisco lo sforzo del ministro Calenda per definire una fase nuova che, come egli dice, faccia da ponte “fra la stagione importantissima di rottura del governo Renzi e quella di messa in sicurezza del paese”. Se non siamo in grado di proseguire e rilanciare l’azione riformatrice del governo Renzi non ci rimane che chiuderci in difesa e cercare di tutelare ciò che abbiamo. Con Renzi c’era l’ambizione di cambiare l’Italia e, sul piano economico, lanciare la sfida per diventare un paese altamente competitivo, capace di attrarre multinazionali così come di fare acquisizioni all’estero, a fronte delle acquisizioni estere in Italia.

Continua a leggere

Non piango se Berlusconi perde il controllo di Mediaset – FIRSTonline, 29 dicembre.

Non tutte le scalate societarie sono buone ma non si possono impedire ex ante lasciando che lo Stato decida caso per caso: o si ha il 51% o si è scalabili – La sinistra auspica la concorrenza nel mercato dei beni come in quello dei capitali e del controllo societario e lascia alla destra più retrograda la difesa delle vecchie aziende spesso poco efficienti, controllate da poteri eterni e inamovibili.  Continua a leggere